PDA

Visualizza versione completa : restauro gozzo flegreo



malevizzo
09-12-2014, 18.07.39
Ciao a tutti ho appena acquistato un gozzo in legno e dovrei portarlo a legno vivo e poi riverniciare il mio problema è la calafatura non so se sono in grado di farla inoltre non so le dosi giuste tra olio di lino cotto e minio in fine non so se nel composto va passato solo il cordino per la calafatura oppure passarlo anche sul legno a mo di impegnate e successivamente
passarci lantiruggine mi affido ai vostri consigli. Posto alcune foto la vernice che manca l ho tolta io

wamai
09-12-2014, 20.10.39
il composto che descrivi è uno stucco che va usato sui comenti ( interstizio presente tra due tavole ) dopo aver calafatato con la canapa.
il mio consiglio è di rivolgerti ad un esperto visto che è la tua prima volta o almeno andare a vedere come fanno. si trovano molti manuali e spiegazioni varie ma per esperienza nulla è comparabile al "toccare con mano".
e faccio presente che un cattivo calafataggio potrebbe risultare disastroso :piange

malevizzo
11-12-2014, 21.31.13
Grazie del benvenuto luigi comunque vada la devo sistemare

blackhat81
03-01-2015, 23.05.25
Grazie del benvenuto luigi comunque vada la devo sistemare

Ciao Pasquale, hai iniziato a mettere mano alla barca?
Condivido il consiglio di trovare qualcuno che abbia già lavorato per dare un occhio a che stai facendo.
Ottima la scelta di usare il metodo a olio! Le resine sono irreversibili e se al momento danno struttura e coprono dall'altro soffocano il legno: a Pellestrina si diceva "finché c'è bosco la barca si può riparare". Perciò ti posso consigliare - ponendo che tu non abbia problemi di marciume - di controllae che il fasciame sia ben fissato alle ordinate picchiettando con un pezzo di lengno duro in corrispondenza delle ordinate stesse. Se il fasciame non è ben solidale sentirai un suono sordo. In quel caso dovrai intervenire con con chiodi o viti poi procedere con
1. pulizia dei comenti eliminando il vecchio calafataggio e residui di stucco ricorrendo ad un utensile ad uncino (noi li facciamo usando vecchi cacciaviti o lime curvate a caldo)
2. con carta abrasiva piegata da avere ambo i lati abrasivi ripassa il comento su entrabemle facce per asportare i residui di stucco
3. prepara il minio e ripassarlo diluito nei comenti puliti
4. una volta asciutto inserisci il cordolo di cotone o la filaccia di canapa catramata - filata a mano per regolarne lo spessore - calcando bene con forza servendoti di uno scalpello a lama larga e privo di taglio (non sono facili da trovare ma esistono dei “ferri da calafato”, esistono immagini in internet)
5. completata la posa della filaccia dai una mano di minio su tutti i comenti calafatati
6. procedi alla stuccatura con uno stucco a base di olio di lino e gesso spento e/o litopone finche la miscela è abbastanza resistente da reggersi da sola.
Poi quando è asciutto puoi passare alla pittura.
Facci sapere come procede!
Ciao!
Luca

PS: dai un'occhiata a questo sito (in inglese) si tratta di un progetto transnazionale europeo che coinvolge diversi paesi del nord europa e si prefigge di documentare le attività artigianali legate alla marineria. Qui una sezione dedicata al calafataggio (caulking)
http://www.boat-building.org/learn-skills/index.php/en/wood/caulking-2/

iromenwood
04-01-2015, 14.12.26
che mal di mare con le foto;;;;;;;;

saluti
ironwood

malevizzo
04-01-2015, 19.36.29
ciao luca ancora non ho iniziato i lavori io e il mio socio ci siamo prefessi di iniziare dopo la befana cmq grazie dei consigli ne terro' sicuramente conto a proposito appena inizio il lavoro pubblichero le foto buon anno a tutti

malevizzo
04-01-2015, 19.37.24
esistono le caramelle travelgum ah ah ah ah ah buon anno