PDA

Visualizza versione completa : spagnoletta algherese " ANTONIETTA"



ivan74
08-03-2009, 23.35.29
vorrei dividere con tutti voi la miA esperienza fatta con la ristruturazione della mia barca. insieme a tutte l'immagini detagliate del restauro.

Toto
08-03-2009, 23.38.04
vorrei dividere con tutti voi la miA esperienza fatta con la ristruturazione della mia barca. insieme a tutte l'immagini detagliate del restauro.

Sarà un piacere Ivan.

ivan74
08-03-2009, 23.40.32
questa e antonietta come si presenta oggi

ivan74
08-03-2009, 23.41.35
Ti ringrazio Toto . spero di esserne all'altezzzzza

artifer
08-03-2009, 23.41.53
La " Togna " lè proprio bela !!:ride

:bra:bra

MisterQ
08-03-2009, 23.42.36
Bella barchetta, aspettiamo trepidanti le foto del restauro.:Ok:Ok

53ZAC
08-03-2009, 23.43.42
Bella barca Ivan, mi piace molto.
Se hai altre foto mostracele, le aspettiamo.

Ciao

Toto
08-03-2009, 23.45.15
Dai Ivan che è molto bella, siamo ansiosi di vederla, se ne hai ancora inseriscile pure.

ivan74
09-03-2009, 00.01.45
vi ringrazio ragazzi ma per ora a mio mal grado dovro deludervi... dovrette aspettare mercoledi sera. staro fuori per lavoro. ma vi assicuro che non ve ne pentirete , il restauro e molto dettagliado con tutte l'immagini. della barca che vedete in foto 80% e tutto nuovo , di vecchio e rimasta solamente la chiglia, l'opera morta, e viva.

Stefano54
09-03-2009, 09.05.40
vi ringrazio ragazzi ma per ora a mio mal grado dovro deludervi... dovrette aspettare mercoledi sera. staro fuori per lavoro. ma vi assicuro che non ve ne pentirete , il restauro e molto dettagliado con tutte l'immagini. della barca che vedete in foto 80% e tutto nuovo , di vecchio e rimasta solamente la chiglia, l'opera morta, e viva.

E io aspetto anticipando i mie complimenti, veramente bella! :Ok

ivan74
11-03-2009, 18.44.19
buona sera a tutti. come vi avevo promesso, ecco le foto della barca al momento dell'acquisto e prima del restauro. premetto che la barca e stata messa in cantiere e dei lavori sono stati eseguiti da maestri d'ascia.
4830 4831
questa era la mia espressione:piange

4832 4833 4834 4835 48364838
4839 4840 4841 4842 4843 4844

4845 4846

questo fu' l'inizio:ohh

Toto
11-03-2009, 19.56.45
Grazie Ivan per aver condiviso questa esperienza con noi, molto bella veramente.
Immagino la tua soddisfazione personale.

Bravo

ivan74
12-03-2009, 12.57.02
ora inizia il bello del lavoro , quasi un anno di lavoro.
il primo intervento e stato quello di rimuovere completamente tutta la coperta compreso i dormienti, i bagli e la cinta.
per portare il trincarino alla linea originale della barca, visto che nel corso degli anni erano stati eseguiti dei lavori mediocri di restauro.

ivan74
19-03-2009, 13.36.23
come potete vedere, i 40 anni di vernice sono stati rimossi con l'ausilio della fiamma. per prima cosa perché gli strati non si contavano e seconda cosa per aiutare ad asciugare i legni.
rimuovere tutta quella vernice anche se faticoso , e stato come parlare con la barca e la sua storia, in cantiere ho appreso tante nozioni sul legni , del perché e del come vanno messi in opera , e se me lo permettete vorrei ringraziare questi anziani maestri d'ascia che custodiscono da generazioni l'arte della costruzione navale.

Midsax
20-03-2009, 09.28.27
Ciao Ivan, bellissimo lavoro.
Lo so che l'ultimo post l'hai inserito solo ieri, ma non vedo l'ora di vedere le altre foto :bra

Alex
20-03-2009, 10.00.48
Immagino la faticaccia a sverniciare il tutto, però alla fine sarà una grande soddisfazione vedere la tua barca rimessa a nuovo :bra:bra

ivan74
22-03-2009, 01.10.35
come si può' vedere nelle foto sono state realizzate le dime in compensato dei nuovi scalmoti che verrano numerati e successivamente realizzati in mogano.:Ok

Eltornidor
22-03-2009, 08.47.06
Un lavoro da titani, ma lo sapevi in cosa ti "imbarcavi" quando l'hai presa?

Il motore? L'hai recuperato o anche quello è nuovo adesso?


Marco

ivan74
22-03-2009, 11.13.31
ora e nuovo un lombardini da 30 cv. che ho sostituito l'anno scorso insieme alla linea d'asse, elica, longheroni motore, ecc.
il suo l'avevo revisionato un ruggerini marinizato da 25 cv.

ivan74
22-03-2009, 14.35.37
come si può vedere dalle foto il dritto di poppa e stato rimosso e sostituito con uno nuovo di mogano. l'incastri che si utilizzano sono quelli a tenone e mortasa . e per sigillare l'incastro dalle possibili vie d'acqua nella parte interna della barca , proprio nell'angolo dove appoggia il tenone alla mortasa viene praticato un foro dove verra infilata una CAVIGLIA ( sottile pezzo di legno duro leggermente conico?. all'interno e stato aggiunto un nuovo contro dritto un po Più' largo per rinforzare lo specchio di poppa. dopo aver messo in posizione il dritto e portato alle giuste misure, e stato forato per bloccare il tutto con dei bulloni passanti in acciaio inox.
:sbad

ivan74
22-03-2009, 14.38.23
scusate ... nella foto si vede il grande maestro Carlo che esegue il lavoro a regola d'arte.:Ok

ivan74
09-04-2009, 18.05.08
qui si vede la rimozione del dritto di prua con la sostituzione del nuovo, che solitamente si eleva sopra il rivestimento del fasciame di circa mezzo metro ed è sempre sormontato dalla pernaccia intagliata – localmente detta capellina o cap de mort (alghero)

ivan74
09-04-2009, 19.06.16
avevo dimenticato la foto

micromax
11-04-2009, 21.39.47
naturalmente, anche il ritto di prua è stato montato con la stessa tecnica utilizzata per quello di poppa, quindi tra ritti di prua e di poppa nuovi e relativi rinforzi interni, potresti quasi usarla come rompighiaccio questa barca. ho osservato con attenzione ed ammirazione il lavoro svolto e guardando il maestro d'ascia Carlo, mi è sovvenuto mastu Michele Assante, buonanima, il quale, mi ha insegnato i primi rdimenti del mestiere, il quale, quando era all'opera, per restaurare qualche gozzo, aveva la stessa identica aria rapita. in quel mometo esistevano solo lui e la barca, che, nelle sue mani, era una cosa viva. ho avuto modo di osservare anche altri vecchi maestri d'ascia ed hanno tutti la stesa espressione quando eseguono un lavoro delicato. secondo me deriva dall'amore che mettono nel loro lavoro, che, contrariamente a quanto sembra, è molto impegnativo mentalmente e pesante fisicamente. peccato che la loro eredità vada perduta un po' alla volta. comunque è una bellissima barca. complimenti
:Ok

ivan74
16-04-2009, 22.18.32
ciao max i contro dritti nuovi sono statti appoggiati su quelli vecchi per due motivi , uno per dare Più' superficie d'appoggio alle teste del fasciame e quindi inserire una nuova in chiodatura e uno per rinforzare i dritti . come puoi aver visto le sezioni dei nuovi legni e tutta maggiorata

ivan74
16-04-2009, 22.42.31
come si può vedere dalle foto la cinta e stata abbassata per portare la linea del trincarino alle originali , si vede anche il dormiente già messo in opera e i bagli già abbozzati appoggiati sulla barca

micromax
17-04-2009, 21.19.51
carissimo ivan, la mia battuta sui rompighiaccio era fatta proprio perché avevo notato quello che mi hai detto nella tua risposta. infatti, otre a dare più appoggio agli elementi della pontatura, la struttura, così trasformata, dà, effettivamente, molta più superficie di appoggio al fasciame, sia a poppa che a prua, permettendo una chiodatura del fasciame sia dell'opera morta sia, cosa moooolto più importante, a quello dell'opera viva. il mediterraneo è un bellissimo mare, ma, purtroppo a volte è preda di facili e repentini moti di luna, con conseguenti "burriane" come chiamiamo noi dalle nostre parti i sommovimenti del mare dovuti ad improvvise vere e proprie bufere di vento, ed avere il fasciame ben fissato all'ossatura può fare la differenza tra il restare a galla e il colare a picco. comunque, per quel poco che conosco di questo tipo di imbarcazione, ora, dopo le trasformazioni e riattamenti, è molto più somigliante al progetto originario della spagnoleta algherese di qanto non lo fosse prima dei lavori. sempre complimenti al proprietario ed ai maestri d'ascia. :Ok:Ok

ivan74
29-04-2009, 21.49.26
grazie max. qui si puo vedere la posa dei bagli sul dormiente e la paratia che separa il pozzetto di poppa dal vano motore .:sbad

micromax
01-05-2009, 20.27.01
ho visto. un lavoro impeccabile nella sua esecuzione e, soprattutto, ho notato come i pezzi semilavorati sono stati messi in opera per la prova con le giuste crescenze, necessarie ad adattare il pezzo alla sua collocazione definitiva. così fanno i veri e bravi artigiani, un lato del pezzo non è mai identico all'altro, semplicemente perché non può esserlo. ogni incastro, ogni appoggio ha quella piccola differenza di quota rispetto all'altro lato speculare dello scafo e queste piccole differenze vanno, giustamente, assecondate ed ammortizzate nell'assemblaggio dell'opera, in modo da dare l'impressione che gni lato del pezzo sia uguale all'altro, anche se questa uguaglianza non è possibile. dico questo perché troppe volte ho visto giovani che lavorano in proprio, che prendono le misure solo su di un lato e tagliano i pezzi già a misura prima di metterli in opera, ma poi devono mettere piccole zeppe, spessori, che fanno perdere tempo e pregio ad un lavoro che potrebbe essere fatto a regola d'arte con un minimo di attenzione in più. vedo, con piacere, che le mie impressioni iniziali su questi maestri d'ascia erano giuste. :Ok

ivan74
06-05-2009, 23.13.46
si max hai proprio ragione, il vero peccato e che è un mestiere che andrà a morire. qui nelle foto si può vedere la posa in opera dei bagli e dei mezzi bagli dei dei pozzetti. ed il lavoro ultimato del loro fissaggio , rigorosamente con l'incastro a coda di rondine.

micromax
10-05-2009, 09.03.19
bel lavoro e spessori di tutto riguardo. anche in una barca piccola, lo spessore dei componenti è importante vero è che con una barca piccola, di solito, si viaggia sotto costa, ma avere una struttura solida sotto di se, è bene a qualsiasi distanza dalla costa. non si può mai sapere, uno scoglio affiorante non segnalato, un relitto alla deriva ecc, che danno possa provocare all'imbarcazione che vi impatti. il fasciame potrebbe risultarne danneggiato, ma, se messo in opera su un'ossatura di generose dimensioni, non subirà il danno che avrebbe subito se messo in opera su di un'ossatura di dimensioni minime. con questo non stò asolutamente dicendo che anche le barche piccole andrebbero costruite con un'ossatura adatta a barche di maggiori dimensioni, ma stò, semplicemente, dicendo che, nella cantieristica, come in tanti altri campi, si persegue il risparmio, in base al quale si usa realizzare le barche con il minor dispendio di materiale, cosa giusta, infatti non dico assolutamente che per risparmiare si costruiscano barche con l'ossatura sottodimensionata, ma dico che si costruicono con l'ossatura sufficiente all'uso che si vuole farne. quindi, potendo farlo, perché accontentarsi della sufficienza e non permettersi il lusso della abbondanza, che significa poi, maggiore sicurezza, cosa che in mare non guasta mai. dice mio suocero, vecchio pescatore, come dicono tanti altri vecchi lupi di mare: "per mare non ci sono taverne" ed è vero. ho visto personalmente naviganti della domenica lanciarsi, con la propria barca, a tutta velocità su scogliere a riva di mare per salvarsi la pelle durante una burriana (improvvisa tempesta di vento).questo se sei quasi a riva, ma se sei al largo e ti coglie un fenomeno del genere... beh... io preferisco avere una barca più pesante, perché più robusta, che mi dia la possibilità, almeno, di tentare di guadagnare la riva. a qualcuno sembrerà che io sia pessimista al massimo in fatto di mare, ma non è vero. dopo due o tre brutte esperienze, dalle quali sono uscito, oserei dire miracolosamente, illeso, grazie alla robustezza della barca ed alla capacità di chi la conduceva, mi posso permettere di dire che chi affronta il mare con spensieratezza e faciloneria ha in serbo qualche brutta sorpresa. il mare non va temuto, ma rispettato e preso con le dovute cautele. ricordate che per quanto possa essere grande la barca o la nave, per quanto possiate essere forti o grossi voi, il mare è sempre più grosso e forte di tutto ed, immancabilmente,vince lui.

ivan74
31-05-2009, 13.42.23
in queste foto possiamo vedere la realizzazione la prova sulla barca e la realizzazione finale del trincarino realizzato in legno di mogano, il so fissaggio e stato realizzato con il preforo , e l'utilizzo di vitti in acciaio inox, e tutte le viti sono state coperte con tappi dello stesso legno.

Stefano54
31-05-2009, 14.57.20
Sarò un profano ma, a me sembra che stia venendo un gran bel lavoro!

peppeprincipe
31-05-2009, 19.02.18
:ohh:ohhComplimenti Ivan sta venendo un lavoro bellissimo:bra:bra

micromax
02-06-2009, 14.21.33
splendida realizzazione e messa in opera del tricarino, che, con il suo generoso spessore, contribuisce ad aumentare la sensazione di solidità della barca, come era nel progetto orignario delle spagnolette.

ivan74
09-06-2009, 22.30.21
qui possiamo vedere la realizzazione della coperta con doghe 4x2 con il bordo scanalato per la successiva gommatura e le mastre del pozzetto messe in opera. ricordo ancora che tutto il fissaggio delle nuove tavole e stato fatto utilizzando viti inox e in quelle a vista e stato messo il tappo in legno seguendo la venatura del legno

Alex
10-06-2009, 07.49.07
Complimenti sta venendo un gran bel lavoro :bra

Eltornidor
10-06-2009, 07.55.20
Bravissimo, sta venendo una chicca!!!

:bra:bra:bra


Marco

micromax
10-06-2009, 09.58.53
lavoro molto pulito, ma, soprattutto, attento e preciso. :Ok

ivan74
05-09-2009, 11.36.56
ciao ragazzi eccomi qua dopo una stagione che sta venendo al temine del mio . qui potete vedere la gommatura delle tavole della coperta che sono tate realizzate con un piccolo gradino sia per un fatto estetico e sia per poter lasciare al legno la possibilità al legno di muoversi naturalmente senza forzare sui legni del trincarino. si vede anche la prova degli scalmotti prima di essere fissati. e la tavola della falca messa in forma per un successivo fissaggio

Toto
05-09-2009, 11.48.47
Complimenti Ivan, Antonietta migliora di giorno in giorno.
Stai facendo un ottimo lavoro.

peppeprincipe
05-09-2009, 19.29.33
Bravo stai facendo un lavoro a regola d'arte.:bra:bra:bra

ivan74
05-09-2009, 20.33.41
ciao peppe come va il tuo restauro ? a che punto sei?

peppeprincipe
05-09-2009, 20.59.26
ciao peppe come va il tuo restauro ? a che punto sei?:piangeNon dirlo a nessuno sto quasi come stavo cioè a zero:ahah:ahah
Purtroppo anzi per fortuna altri lavori hanno avuto la precedenza è il guaio che sto pieno pieno di lavoro, quest'anno ho buttato al vento due tre mesi e non riesco a recuperarli ma comunque piano piano riusciro anche a finire il gozzo.
Ti rinnovo i miei complimenti per il lavoro che state facendo sta venendo proprio una bellissima barca e fai i complimenti al maestro d'ascia che collabora con te si vede che è competente magari ne avessi uno vicino a me dal vivo.:Ok

i.leo
30-01-2011, 17.40.00
Ivan..... Ho seguito il tuo magnifico lavoro, ma arrivato qui, credevo di vedere il lavoro finito e messo "in opera"..... ma nn c'è piu' niente.... ?????????? i.leo.