Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 12

Discussione: Nuovi Diffusori in dirittura di arrivo (con quesiti!)

  1. #1
    Data registrazione
    17-01-2014
    Residenza
    Arezzo
    EtÓ
    30
    Messaggi
    58

    Predefinito Nuovi Diffusori in dirittura di arrivo (con quesiti!)

    Visto che non mi sono mai presentato ufficialmente al forum, ho pensato di far vedere cosa mi piace fare nel mio lab.
    debbo dire che mi sono avvicinato al legno soprattutto per via della mia passione dell'alta fedelta', piu nello specifico nella progettazione di diffusori.
    non trovando falegnami in zona che mi realizzassero quello che volevo (se non a prezzi proibitivi), piano piano mi sono addentrato, anche grazie a un carissimo amico liutaio (peraltro eccezionale) che mi fa da "tutor" quando ho bisogno.. col senno di poi son contento di non aver trovato falegnami disponibili, il legno e' molto generoso.
    dopo alcuni esperimenti (sia di progetto che di realizzazione) ho cominciato ad avere delle commissioni, questi diffusori sono i prossimi ad uscire nel mondo "reale"..

    questi sono i nuovi diffusori, in multistrato fenolico di betulla da 24 mm:


    1.jpg

    2.jpg
    dalla foto sembrano piu "ingombranti", in realta' l'altezza massima sara' intorno ai 95 cm. tra i due cabinet mettero' un marmo, e anche alla base.

    qui un particolare dei rinforzi interni (difficile da fotografare tutti insieme con la mia macchina fotografica):

    IMG_4715.jpg


    quando saranno verniciate incollo le morsettiere (che hanno una flangia in mogano) dove vedete le fresature, e attacchero' un piccolo logo che ho fatto.. insomma, le piccole bischerate che alla fine si fanno per fare colpo sulle donne!

    e vabbe'.. avrei un paio di domande per chi vuole rispondermi..

    1) guardate qua

    IMG_4713.jpg


    vedete quelle "striature" orizzontali? si vedono poco, ma si vedono.. son sicuro che quando comprai i pannelli erano gia' presenti. li per li non ne feci un dramma, pensavo che scartando sarebbero andati via.. ma col cactus! mi piacerebbe sapere prima di tutto quale e' la natura di queste righe e se esiste un modo per eliminarle.. al tatto mi sembra anche di poterle "sentire", ma forse e' effetto placebo!


    2) chi me le ha commissionate mi ha chiesto di tenerle il piu chiare possibile. pero' un leggerissimo tono vorrei darlo. oggi comincio a sperimentare.
    per la verniciatura ho comprato una poliuretanica della Sayerlack Tz4950, quindi satinata.
    prima ho usato la nitro, con risultati bellissimi, ma non ho ne tanto tempo, ne la voglia di stare a contatto con quella schifezza, per questo progetto.
    non sono molto esperto di vernici, difatti vi chiedo consiglio: pensavo che, una volta che ho dato il colore (io uso aniline ad alcool), potevo dare una mano di fondo diluito al 5-10%, una mano non diluita e un altra mano diluita al 5-10%, tutto a pennello, carteggiando finemente tra una mano e l'altra.
    se sono totalmente fuori strada non esitate a bacchettarmi, e' tutto abbastanza nuovo per me!

    ovviamente chiunque voglia avere informazioni di progetto (elettroacusticamente parlando), sono disponibile..

    grazie a tutti!

  2. #2
    Data registrazione
    11-01-2010
    Residenza
    Caresana (VC)
    EtÓ
    38
    Messaggi
    2,925

    Predefinito

    Innanzi tutto ti faccio i complimenti, sembra proprio un lavoro pulito e preciso!!

    Per quanto riguarda le striature, se dici che le senti addirittura al tatto, non ti resta che carteggiare.
    Tempo fa ho avuto a che fare con del pioppo, ed ho scoperto che bagnandolo con l'acqua (solo una goccia...) si riprendeva abbastanza da eventuali bolli.....questo caso mi sembra un po diverso, ma magari una prova la si potrebbe fare.

    Per la finitura invece ti confesso che non sono un grande esperto (anzi.....), per˛ restando su Sayerlack penso che con un fondo turapori all'acqua ed una successiva finitura trasparente satinata otterresti ottimi risultati senza stare a contatto con schifezze.
    Alberto

    o la va, o la spacco...

  3. #3
    Data registrazione
    23-12-2007
    Residenza
    Scafati (SA)
    EtÓ
    57
    Messaggi
    7,784

    Predefinito

    Sono i segni del derullamento o di ammaccature, la prossima volta che scegli i fogli stai attento, in ogni caso adesso devi carteggiare.
    Ciao
    Pasquale
    Molto spesso Ŕ salutare e distensivo provarci si spera quanto prima riuscirci, grazie a questo forum!

  4. #4
    Data registrazione
    17-01-2014
    Residenza
    Arezzo
    EtÓ
    30
    Messaggi
    58

    Predefinito

    infatti i giorni scorsi mi sono messo di santa pazienza.. piano piano vanno via, ma non proprio completamente. facendo una prova, col colore e la vernice, si vede a malapena.
    sicuramente star˛ piu attento a scegliere i fogli la prossima volta, ma non e' (per fortuna) una tragedia.

  5. #5
    Data registrazione
    02-03-2015
    Residenza
    san vincenzo
    EtÓ
    31
    Messaggi
    38

    Predefinito

    racconta un po del progetto... !


  6. #6
    Data registrazione
    17-01-2014
    Residenza
    Arezzo
    EtÓ
    30
    Messaggi
    58

    Predefinito

    Ciao, ti rimando direttamente al link su un altro forum piu specifico, ci sono foto dei diffusori finiti e tutte le caratteristiche tecniche... Grazie dell'interessamento...

    http://www.diyaudio.it/threads/2439-...ltimo-progetto

  7. #7
    Data registrazione
    16-10-2009
    Residenza
    Prato.PO
    EtÓ
    60
    Messaggi
    2,870

    Predefinito

    Bel lavoro...
    Mi permetto una nota hai citato la Sayerlack TZ4950 semilucida che si trova ( di norma) in confezioni da lt. 6
    La vernice Ŕ di tipo poliuretanico che si catalizza al 50% con il catalizzatore:Sayerlack TH0850/00 lt. 3

    Ho usato la stessa vernice per delle finestre, non Ŕ all'acqua ma Ŕ bicomponente Poliretanica da mescolare nel rapporto suddetto( e diluire solo con diluente poliuretanico, mentre per pulire pennelli va bene generico)

    tz49xx Ŕ la sigla cui si aggiunge il numero dei gloss ( grado di luciditÓ) quindi una 4950 ha gloss 50 ( non Ŕ satinata ma semilucida)
    Usata a pennello ti lascia un leggero segno del pennello. So che nelle casse si cerca il raggiungimento della superficie perfettamente liscia
    Sarebbe opportuno dare 2 mani di turapori e poi 2 di vernice intervallate da scartatura con grana fine per eliminare imperfezioni e facilitare adesione strato successivo.
    Ma sarebbe meglio farlo a spray......con tutte le problematiche connesse( io per le finestre non avevo particolari esigenze quindi ho dato 2 mani di sola finitura a pennello)

    NOta una volta mescolata indurisce in un tempo relativamente breve, insomma non la utilizzi pi¨, quindi va preparata in dosi non eccessive..

    Ottimo prodotto ad un prezzo ridicolo ( pagai 67 euro 6lt+3lt= 9litri di prodotto.)

    OOOPS... ho letto ora che il tuo post iniziale ha dei mesi!!!
    A che punto sei? ci piacerebbe vederle finite, immagino i miei appunti sulla sayerlack siano inutili ormai... ( serviranno ad altri)
    Ultima modifica di ellebi : 22-06-2015 alle ore 17.19.28
    ...non vivere in questa terra come un inquilino....
    N. Hikmet.

  8. #8
    Data registrazione
    17-01-2014
    Residenza
    Arezzo
    EtÓ
    30
    Messaggi
    58

    Predefinito

    Ciao,
    In effetti son passati diversi mesi, e le casse son giß che consegnate.
    Noostante ciˇ, ti chiedo...
    Che tipo di turapori avresti usato? Purtroppo a spray non posso (ancora) verniciare, quindi pennello in ogni caso.
    Alla fine gli diedi 1 mano molto diluita, mi pare al 30%, due di fondo e una di finitura, intervallate da una scartatura fine.
    Alla fine le ho rese un pˇ opache con la paglietta di ferro.
    Nel link sopra ci sono un paio di foto..
    Ultimamente ho vernciato un asse per una panca, con la stessa vernice, e ho provato a mettere un pˇ meno catalizzatore, a me pare che la vernice si sia stesa meglio, a costo di indurire un pˇ piu lentamente.. Puˇ essere?
    Grazie dell'attenzione, ciao!

  9. #9
    Data registrazione
    16-10-2009
    Residenza
    Prato.PO
    EtÓ
    60
    Messaggi
    2,870

    Predefinito

    Scusa, non avevo notato la domanda...
    Premetto che io non ho usato il prodotto che ti indico, ma solo la finitura ( trattandosi di scale e finestra modello antica Toscana)
    Il turapori meglio sia della stessa linea o almeno tipologia ( quindi direi poliuretanico bicomponente possibilmente Sayerlack che tra l'altro trovi a poco)

    Guarda un po' qui...attenzione perchÚ non Ŕ in kit 6+3 come la vernice ( che ho comprato da loro) ma devi ordinare i 6t di vernice ed i 3 di catalizzatore..
    Oppure cercare le confezioni da 1 lt...

    http://bricoshop.it/products/9611-fo...arente-tu.aspx

    Sul catalizzatore io sono dell'idea di non ridurre le dosi.. ( semmai si aggiunge un po' di diluente dello stesso tipo, 5- 10%, meglio leggere la scheda tecnica...


    P.S: ovviamente il link Ŕ per farti leggere le descrizioni, poi cerca in rete se lo trovi a meno...
    Ultima modifica di ellebi : 26-06-2015 alle ore 18.25.58
    ...non vivere in questa terra come un inquilino....
    N. Hikmet.

  10. #10
    Data registrazione
    17-01-2014
    Residenza
    Arezzo
    EtÓ
    30
    Messaggi
    58

    Predefinito

    Grazie mille.

    Senti, ma da ignorante quale sono, la mia idea del turapori Ú che chiudendo il poro rende il legno meno "assetato" di vernice, e che quindi hai virtualmente bisogno di meno mani di fondo. Se si parlasse di abete o altro legno a poro aperto, ok. Ma la betulla ha un poro chiuso, no? Fin dalla prima mano di fondo, mi sembra che "beva" piuttosto linearmente.. No?
    Inoltre, in fondo che differenza cÚ tra un turapori ed una mano di fondo molto diluita (30-40%)?
    Grazie per la disponibilitß....

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •