Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 17

Discussione: Consigliop prima pialla....

  1. #1
    Data registrazione
    18-03-2016
    Residenza
    Lucca
    Età
    40
    Messaggi
    5

    Predefinito Consigliop prima pialla....

    Ciao a tutti!

    Dopo i primi lavoretti (giochi per bimba, mensole e cornicette varie) volevo passare a qualcosa di più elaborato e quest'anno mi volevo regalare una pialla per imparare l'arte amanuense come faceva il mio povero nonno che ahimé non ha avuto il tempo di insegnarmi l'arte..

    Voelvo prendermi una pialla per squadrare/sbozzare tavole grezze ma anche che mi servisse per lavori di fino. Non vorrei comprare una cosa e poi rimetterci i soldi sopra... ma neanche partire dal top perché magari nelle mie mani inesperte non saprei sfruttarla al meglio. Cosa mi consigliate?

    grazie mille!

  2. #2
    Data registrazione
    18-03-2016
    Residenza
    Lucca
    Età
    40
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Ciao.. Nessuna risposta ?

  3. #3
    Data registrazione
    18-07-2015
    Residenza
    Lucca
    Età
    51
    Messaggi
    256

    Predefinito

    Sulla baia, una stanley o record No. 4 ricondizionata dovresti poterla acquistare con 50 euro compresa spedizione, ma ci vuole un po' di pazienza per trovare una occasione. La 4 è maneggevole, specie per un neofita, perfetta per i lavori di fino, adattabile per squadrare/sbozzare anche se non è il suo campo d'elezione. Devi procurarti anche il materiale per affilarla, che nella forma più semplice può essere carta vetrata ed un pezzo di multistrato - cerca "Scary sharpening" sul web. Se la pialla non è ben regolata ed affilata, serve a poco.
    Cerca anche un tutorial su manutenzione affilatura e settaggi, il web ne è pieno.
    Personalmente, sconsiglio perentoriamente pialle da brico e simili. Forzando molto, sulla amazzone c'è una Silverline 4 nuova di cui parlano discretamente, ma non spendi molto meno e le due marche citate, seguendo alcuni criteri, sono perfette.
    Cerca ovviamente anche nel forum - ci sono molti post interessanti sull'argomento.

  4. #4
    Data registrazione
    28-07-2016
    Residenza
    Gävle - Svezia
    Età
    32
    Messaggi
    721

    Predefinito

    Antonio ti ha gia dato qualche dritta,di mio ti posso dire che una pialla unica per squadrare sbozzare e rifinire non c´e´...per lavorare il legno in maniera manuale e fare tutto quello di cui si e´ parlato(sbozzare,squadrare,rifinire) hai bisogno di queste pialle:
    uno sbozzino,per eliminare rapidamente materiale durante la squadratura della tavola,di solito e´ la prima pialla che si usa quando si inizia a lavorare su una tavola grezza e ha una lama un po convessa
    una jointer,per squadrare le coste e portare a spessore la tavola
    una pialla da finitura come la 4
    una block plane.

  5. #5
    Data registrazione
    07-02-2016
    Residenza
    Arezzo
    Età
    29
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Allora, di solito la prima pialla che si compra è la n°5, la jack, ed è proprio la pialla che cerchi tu, ne carne ne pesce, ne da rifinitura ne da sbozzo.
    Qualcuno ti ha già detto che te ne servono diverse e sarebbero
    No4 ossia una rifinitrice, opera su una base di 25 cm circa
    No5 che è 5 cm più lunga della 4 e ti da modo di lavorare meglio su tutte le misure che si usano più frequentemente, uno sportello o un laterale del comodino.
    No7 che è una delle pialle più utilizzate e quasi la più lunga tra quelle pseudo moderne in ghisa/ferro superata solo dalla 8 che è anche abbastanza rara da trovare.
    Le block... consiglio solo le low angle e servono per piallare di testa traversovena.

    Le rispettive pialle con i mezzi numeri (es. 4 e 1/2) hanno lame più larghe (1 cm max) ma di contro pesano quasi il doppio e ti posso garantire che sono faticose da maneggiare.

    Potresti spendere 200 e passa euro per comprare una pialla Veritas, sarebbe già perfetta cosi come esce dalla scatola oppure fare un po di ricerche su ebay, troveresti dei bei ruderi da restaurare oppure delle pialle decenti con solo una patina di sporco superficiale le marche sono o STANLEY o RECORD.

    Adesso le decisione possono essere due:

    Ti compri una pialla per sbozzare e una per spianare/squadrare)

    oppure

    ti prendi una pialla sola ma con 2 lame e una la affili arrotondando gli angoli e la usi per sbozzare, gli angoli arrotondati faranno in modo che anche facendo uscire di più la lama non ti strapperà i bordi del legno mentre pialli, in pratica al posto che piallare con effetto scalpello dove gli angoli sono netti piallerai come una sgorbia facendo molta meno fatica e scavando piccole fossette che poi spianerai on l'altra lama quando andrai a spianare.

    A meno che tu non voglia farti strane fisse su esemplari di 100 anni fa oppure del periodo pre guerre mondiali troverai in asta una pialla a una cinquantina di €.
    Ti toccherà pulirla dalla ruggine (elettrolisi, rimuovi ruggine, lasciarla a bagno dell'aceto o carta vetrata), assicurarti che la suola della pialla sia piana (passala sopra della carta vetrata attaccata alla soglia in marmo/granito del finestrone del soggiorno) e se proprio vuoi fare le cose in grande assicurarti che le spalle laterali della pialla siano in squadra con la suola.

    A quel punto dovrai solo mantenere la lama affilata e il gioco è fatto.

  6. #6
    Data registrazione
    28-07-2016
    Residenza
    Gävle - Svezia
    Età
    32
    Messaggi
    721

    Predefinito

    Master,una pialla per sbozzare non ha gli angoli arrotondati pero,ha un camber,cioe una lama un po convessa,e si usa spesso e volentieri traverso vena..e´ stata la prima pialla che ci misero in mano a scuola..per il resto mi associo alle tue parole.
    m6e03zx.jpg

  7. #7
    Data registrazione
    07-02-2016
    Residenza
    Arezzo
    Età
    29
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da Snickare Visualizza messaggio
    Master,una pialla per sbozzare non ha gli angoli arrotondati pero,ha un camber,cioe una lama un po convessa,e si usa spesso e volentieri traverso vena..e´ stata la prima pialla che ci misero in mano a scuola..per il resto mi associo alle tue parole.
    m6e03zx.jpg
    Effettivamente ho un po esagerato dicendo arrotondati, CAMBER è il termine giusto

  8. #8
    Data registrazione
    18-03-2016
    Residenza
    Lucca
    Età
    40
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Per la Stanley 5 intendete questa:
    http://www.stanley.it/products/detai...Pialla+Stanley

    oppure questa (con il ferro lungo 25)?

    http://www.stanley.it/products/detai...ialla+Handyman

    E mi fate venire il dubbio: perché a differenza della veritas non sono "plug and play" ma richiedono aggiustature prima dell'opera?

  9. #9
    Data registrazione
    28-07-2016
    Residenza
    Gävle - Svezia
    Età
    32
    Messaggi
    721

    Predefinito

    una pialla veritas costa 3 volte tanto ed e´ realizzata con ottimi materiali e finiture,queste pialle da te elencate,che si trovano nei brico,non hanno nulla a che fare con una veritas o neanche con una vecchia stanley vintage o qualsiasi pialla vintage..queste pialle dei brico richiedono grande lavoro di sistemazione prima che possano lavorare onestamente

  10. #10
    Data registrazione
    18-07-2015
    Residenza
    Lucca
    Età
    51
    Messaggi
    256

    Predefinito

    Quoto al 100% quanto detto da Snick. Noi ci riferivamo a pialle "antiche".

    Esempio di Record 5:
    http://www.ebay.it/itm/record-no5-pl...cAAOSw4GVYQHto

    Esempio di Stanley 5:
    http://www.ebay.it/itm/Excellent-Sta...gAAOSwA3dYPbl2

    Non ti dico di comprarle, sono solo esempi per farti capire.

    Per avere una idea delle Veritas (ed altre marche) puoi guardare su siti di vendita online, per esempio:
    utensiliprofessionali.com
    axminster.co.uk

    Io non ho una Veritas o una Lee Nielsen, però chi ce l'ha giura che è perfettamente settata dalla fabbrica; di solito le "vecchie" pialle sono di qualità e se ben manutenute e settate raggiungono risultati analoghi. Le pialle "moderne" della marca più famosa sono a mio parere industrializzate per mantenere i costi più bassi possibili (ma il prezzo no) e fabbricate con scelte progettuali discutibili e controllo qualità poco attento; idem per le regolazioni, da quel che si legge in giro.

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •