Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6

Discussione: Cassa acustica per basso elettrico

  1. #1
    Data registrazione
    29-10-2017
    Residenza
    pisa
    Età
    39
    Messaggi
    22

    Predefinito Cassa acustica per basso elettrico

    Ciao a tutti,
    ho finalmente ultimato la costruzione della cassa chiusa per basso elettrico di 4,5 piedi cubici di volume interno.
    E' una 1x15. Il cono è un Eminence CA 154 4 ohm da 300w.
    Come legno ho usato multistrato di betulla da 1,8 mm.
    Come si vede dalle immagini ho giunto a filo senza viti; solo colla e rinforzi negli spigoli interni.
    Ho rivestito con moquette da 2 mm di spessore in un unico foglio unito al centro del lato bottom.
    Ho utilizzato per un paio di lati la colla spray, ma poi ho creduto opportuno usare il bostik spalmato a pennello, tutta un'altra cosa!
    Il cono è stato fissato al baffle con dei ragni, uno per ogni foro del castello, e con viti a testa esagonale.
    Negli angoli la moquette è stata applicata con un sistema professionale di tagli imparato da un tappezziere
    Tuttavia il para-angolo copre il tutto, quindi in parte non visibile.
    Non è niente di trascendentale, ma sono soddisfatto del risultato e spara un volume e una definizione da far crollare i muri ( con relativa cazziata di mia moglie... ma non ho saputo resistere dal pompare il volume della testata fino quasi al massimo dopo 10 minuti di prove alle varie ottave.
    Presto farò un' analisi dello spettro delle frequenze.
    1.jpg9.jpg8.jpg7.jpg6.jpg5.jpg4.jpg3.jpg2.jpg10.jpg

  2. #2
    Data registrazione
    18-07-2015
    Residenza
    Lucca
    Età
    51
    Messaggi
    488

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da giudas Visualizza messaggio
    Ciao a tutti,
    ho finalmente ultimato la costruzione della cassa chiusa per basso elettrico di 4,5 piedi cubici di volume interno.
    E' una 1x15. Il cono è un Eminence CA 154 4 ohm da 300w.
    Bel cono.

    Ho utilizzato per un paio di lati la colla spray, ma poi ho creduto opportuno usare il bostik spalmato a pennello, tutta un'altra cosa!
    Anche io, bostik tutta la vita.

    Non è niente di trascendentale, ma sono soddisfatto del risultato e spara un volume e una definizione da far crollare i muri ( con relativa cazziata di mia moglie... ma non ho saputo resistere dal pompare il volume della testata fino quasi al massimo dopo 10 minuti di prove alle varie ottave.
    Hai fatto bene, quando ce vo' ce vo' ...

    Presto farò un' analisi dello spettro delle frequenze.
    Mi pare venuto un bel lavoro - se poi suona bene ...
    Per paranoia mia, un po' di viti ce le avrei messe comunque.
    Altre curiosità: che userai per analizzare le frequenze e soprattutto da musicante oltre che producisegatura, che bassi/ampli?

    Complimenti ancora!

  3. #3
    Data registrazione
    29-10-2017
    Residenza
    pisa
    Età
    39
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da AntoPsycho66 Visualizza messaggio
    Bel cono.


    Anche io, bostik tutta la vita.



    Hai fatto bene, quando ce vo' ce vo' ...


    Mi pare venuto un bel lavoro - se poi suona bene ...
    Per paranoia mia, un po' di viti ce le avrei messe comunque.
    Altre curiosità: che userai per analizzare le frequenze e soprattutto da musicante oltre che producisegatura, che bassi/ampli?

    Complimenti ancora!

    In verità ho omesso di riportare un fatto:
    Alla prima accensione, tutto bene fino a metà volume, dove alla frequenza di 261 hz (do terzo tasto terza corda del basso) ha spennacchiato come un trombone rauco. Sgomento!! Ho pensato subito a errori di litigato o addirittura rottura del cono.
    Poi ho aperto il pannello posteriore e suonato: tutto liscio anche al massimo del volume. Ovviamente il suono perdeva di punch e definizione, era più "etereo". Il problema l'ho risolto stringendo al massimo le 4 viti che tengono il pannello posteriore. Praticamente vibrava. Ho sudato freddo per qualche minuto.

    Come ampli utilizzo una testata behringer bxd3000h ultrabass e come basso un hofner shorty series.
    La testata l'ho scelta perché è potente, economica e compatta. Il mio mentore di elettronica sostiene che l' elettronica behringer è di ottima fattura.
    Per il basso ho preso questo perché costava poco e d è poco ingombrante.
    Il motivo di tutta questa economia è perché sono un chitarrista e mi sono inserito in un gruppo come bassista, quindi prima di attrezzarmi con strumenti costosi ho voluto vedere se la cosa ha un senso. Parlo del basso perché la testata è potentissima e la cassa autocostruita è sempre meglio delle blasonate al costo di un quinto a pari qualità.

  4. #4
    Data registrazione
    29-10-2017
    Residenza
    pisa
    Età
    39
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Dimenticavo: per quanto riguarda l'analisi delle frequenze lancio un segnale sonoro che tocca produce singolarmente una serie di frequenze e le acquisisco in sala prove con un mic a condensatore. Poi confronto con lo spettrometro il segnale e il suono acquisito attraverso la cassa.

  5. #5
    Data registrazione
    18-07-2015
    Residenza
    Lucca
    Età
    51
    Messaggi
    488

    Predefinito

    Grazie delle risposte. Behringer per diverse cose va molto bene, non piace agli snob.
    Ma ... non riesco ad intuire cosa sia un errore di "litigato"

  6. #6
    Data registrazione
    29-10-2017
    Residenza
    pisa
    Età
    39
    Messaggi
    22

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da AntoPsycho66 Visualizza messaggio
    Grazie delle risposte. Behringer per diverse cose va molto bene, non piace agli snob.
    Ma ... non riesco ad intuire cosa sia un errore di "litigato"
    Chiedo venia, volevo scrivere "errori di litraggio" ma è entrato in funzione il correttore automatico.

Tags for this Thread

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •