Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 20

Discussione: Proprietá meccaniche legno

  1. #1
    Data registrazione
    22-01-2008
    Residenza
    Novara
    Età
    41
    Messaggi
    190

    Predefinito Proprietá meccaniche legno

    Non mi intento di carpenteria e non ho neanche libri al riguardo. Mi stava venendo l‘idea di realizzare un letto a soppalco e, visto che non ho molto spazio per lavorare e visto che la costruzione alla fine dovrebbe stare in spazi ristretti, non posso permettermi di sovradimensionate. Inoltre dovrei costruire la cosa in modo semimoduoare, in modo che possa essere smontabile.
    Anche le materie prime a disposizione sono ridotte ( abete e Pino da carpenteria, multistrato di betulla e di faggio, tavole prelavorate di faggio, acacia, abete, Pino, betulla, rovere, Paulownien -di quelle usate per i piani da cucina nelle cucine nordiche o nel fai da te).

    Essendo la costruzione di fatto come un grosso letto a castello montato su due piedi senza fissaggi al muro e soggetta eventualmente a movimenti, come il girarsi o sedersi nel letto, non è tutto così semplice, perché costruire tutto con legni duri aumenterebbe molto il peso e non necessariamente stabilizzerebbe la struttura.

    Quindi volevo chiedere dove posso trovare (o se mi potete dire) qualche parametro meccanico per i sopracitati prodotti
    In particolare:
    Resistenza alla flessione, per i masselli lungo e controfibra
    Resistenza alla compressione, per masselli lungo e contro fibra
    Durezza, per masselli lungo e contro fibra
    Peso specifico
    Lavorabilità

  2. #2
    Data registrazione
    27-01-2011
    Residenza
    isernia
    Età
    40
    Messaggi
    244

    Predefinito

    Hai considerato il rilascio di polveri sottili nell'ambiente da parte di alcuni legni? Siamo nell'ordine dei micron, si depositano negli alveoli, ci devono dormire dei bambini?

  3. #3
    Data registrazione
    13-07-2013
    Residenza
    Alba
    Età
    49
    Messaggi
    544

    Predefinito

    Domani vedo di riuscire a trovare le schede tecniche elencate a suo tempo dal Prof. Ferdinando Giordano, solo perché adesso non ho idea di dove sia finito il libro.

  4. #4
    Data registrazione
    28-07-2011
    Residenza
    ravenna-ra
    Età
    47
    Messaggi
    55

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da rocco2000D Visualizza messaggio
    Hai considerato il rilascio di polveri sottili nell'ambiente da parte di alcuni legni? Siamo nell'ordine dei micron, si depositano negli alveoli, ci devono dormire dei bambini?
    credo che le polveri si creino sotto azione dovute a sfregamento continuo, non in questo caso dove il legno è posato e trattato, tornando alla progetto del soppalco, qui trovi le tabelle UNI con le proprietà meccaniche di conifere, latifoglie ecc. http://sttan.it/appunti/Prontuario/N...otti_legno.pdf.
    Sono tabelle che usano gli ingegneri...per me un po' complicati ma comunque un'idea generale si riesce ad averla, magari tu sei più preparato...
    Saluti..

  5. #5
    Data registrazione
    22-01-2008
    Residenza
    Novara
    Età
    41
    Messaggi
    190

    Predefinito

    Le tabelle sono quelle, ma quello che a me interessavano erano solo i valori per quei legnami che ho trovato (o meglio, i valori espressi in modo relativo gli uni tra gli altri per capire quale dei legni a cui posso avere accesso, si presta meglio alla costruzione o alle parti di una costruzione composita fatta di più parti di legname diverso).

    Grazie di aver preso sul serio la mia domanda

  6. #6
    Data registrazione
    13-07-2013
    Residenza
    Alba
    Età
    49
    Messaggi
    544

    Predefinito

    Faggio Acacia Abete (rosso) pino silvestre Pawlonia Rovere
    Resistenza alla flessione 120 140 73 95 40 110 N/mm²
    Resistenza alla compressione assiale 60 70 38 45 24 60 N/mm²
    Durezza media/elevata media/elevata modesta bassa bassa media/elevata
    Peso specifico 730 750 450 550 310 780 Kg/m³ Dopo normale stagionatura
    Lavorabilità Agevole Difficoltosa Agevole Agevole Agevole Agevole

    Note, per l'acacia ho preso i valori della robinia visto che spesso vengono confusi uno con l'altro.
    Per la lavorabilità ho messo solo un termine di massima, ci andrebbe una (lunga) spiegazione per segagione, essicazione, piallatura, levigatura, sfogliatura, tranciatura, unione con chiodi o viti, incollaggio tinteggiatura e verniciatura. Se serve mi metto a copiare il tutto.

  7. #7
    Data registrazione
    13-07-2013
    Residenza
    Alba
    Età
    49
    Messaggi
    544

    Predefinito

    Legni.pdf
    visto che non riesco a mantenerne la formattazione lo allego come PDF

  8. #8
    Data registrazione
    22-01-2008
    Residenza
    Novara
    Età
    41
    Messaggi
    190

    Predefinito

    Gentilissimo. Era quello che cercavo.

    Mi puoi consigliare qualche testo su cui approfondire l‘argomento, magari più con l‘occhio del falegname carpentiere che non quello dell’ingegnere che progetta ponti e costruzioni?

  9. #9
    Data registrazione
    22-01-2008
    Residenza
    Novara
    Età
    41
    Messaggi
    190

    Predefinito

    Comunque da quello che vedo, se ho capito bene, dal punto di vista delle proprietà meccaniche faggio, acacia e rovere sono paragonabili, con una massima durezza della quercia e una massima elasticità e resistenza meccanica del‘acacia, e col faggio con proprietà intermedie (e che si trova pure in multistrato).

    Dal punto di vista meccanico, possono essere considerati in Europa una alternativa ecologica e a prezzi relativamente economici, ai legni pregiati tropicali o a legni duri nordamericani, per ciò che riguarda piccola carpenteria e costruzione di mobili?

  10. #10
    Data registrazione
    13-07-2013
    Residenza
    Alba
    Età
    49
    Messaggi
    544

    Predefinito

    Citazione Originalmente inviato da drmacchius Visualizza messaggio
    Gentilissimo. Era quello che cercavo.

    Mi puoi consigliare qualche testo su cui approfondire l‘argomento, magari più con l‘occhio del falegname carpentiere che non quello dell’ingegnere che progetta ponti e costruzioni?
    Le informazione che ho passato sono su un libro frutto di una ricerca promossa e finanziata dal ministero delle risorse agricole e forestali. Per chi non lo conoscesse, il
    Prof. Ing. Ferdinando Giordano era (dovrebbe essere morto) l'autirità indiscussa sulle proprietà del legno e si rivolgeva ai falegnami più che a ponti e costruzioni.
    Sinceramente non saprei dove trovarne una copia.

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •