annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Scala interna a sbalzo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Scala interna a sbalzo

    ​​​​​Buongiorno, é da un po' che, causa lavoro, riesco a seguirvi poco.
    Ora, che sto ristrutturando casa, sono altre prese con una scala interna. Per la quale sarei grato di qualche consiglio.
    Come da titolo, l'idea é una scala a sbalzo. Immagino il primo gradino (85x28 cm) e il successivo pianerottolo (85x90 cm), in muratura. Poi una rampa di 12 alzate (18 cm) e 12 pedate (28cm) [in realtà l'ultimo scalino di arrivo sarà 34 cm].
    Per questa rampa ho solo un muro sulla dx, in mattoni forati (non portante).
    Gli scalini non verrebbero quindi ancorati a muro, ma su una struttura metallica (fatta a scala - lamiera piegata-, con pedata e alzata) della larghezza di 25 cm.
    Per farmi capire come da foto...
    ​​​​​​I dubbi da fugare sono relativi alla modalità di ancoraggio dello scalino e sulla sua modalità costruttiva dello scalino. Pensavo di usare dei pannelli di rovere listellare da 30mm. Per ottenere uno scalino da 9cm di spessore di fare un sandwich con una tavola di base, una cornice da 3cm, e un altro pannello per chiusura. Resta quindi un vuoto interno da 3 cm, utile per inserire i bulloni di fissaggio alla struttura metallica.
    i dubbi sono su dimensioni-numero bulloni di fissaggio. Resistenza legno (50-55 cm sono a sbalzo). Ovviamente anche la sufficiente restenza a torsione del supporto metallico e' da valutare, ma per questo aspetto sentirò la ditta a cui affiderò la realizzazione.
    Grazie in anticipo per le vs. Valutazioni!

    Screenshot_20210914-192209.jpg

  • #2
    Da quanto ho capito, ti serve un sistema per fare una rampa singola da 12 gradini. Supponendo che tu voglia fare come nella foto e avere solo una parte di alzata puoi ancorarti direttamente alla struttura metallica. Quello nella foto ha delle piastre frontali (ho cercato la tua foto nel web) personalmente non mi fa impazzire, ma metallo per metallo preferirei fissare il legno con dei bulloni con dadi ciechi a vista in ottone o acciaio inox. per rendere rigida la struttura metallica farei direttamente una putrella metallica addossata alla parete non portante e fissata a pavimento e soffitto (dovrebbero essere delle solette portanti) e nascosta con del cartongesso.. Il risultato è una scala che sembra spuntare dal muro. Ultima cosa, i designer presentano belle scale a effetto, ma la legislazione italiana, le norme di sicurezza e il buon senso dicono che serve un parapetto.

    Commenta


    • #3
      Grazie marcorrr!
      Scrivi: "per rendere rigida la struttura metallica farei direttamente una putrella metallica addossata alla parete non portante e fissata a pavimento e soffitto". Al pavimento si può fare, ma a soffitto ho il tavolato del tetto. Comunque pavimento e magari un supporto del muro, seppure non portante, potrebbe essere utile!
      Scrivi: " i designer presentano belle scale a effetto, ma la legislazione italiana, le norme di sicurezza e il buon senso dicono che serve un parapetto." Non c'e' dubbio! Forse il buon senso farebbe ritenere che scale a sbalzo é meglio non farne..?!
      Prima di farla devo sapere che sarà realizzata sicuramente sicura. (Scusate il gioco di parole). Quindi resistenza supporti, resistenza bulloni, resistenza scalino.
      Nessuno ha esperienza diretta?
      Grazie.

      Commenta


      • #4
        Ciao . A me sembra una scala molto interessante sicuramente fattibile , dimensionata per bene magari fatti aiutare da uno studio tecnico e vai tranquillo.

        Commenta


        • #5
          Questa è una scala in teak fatta da mio padre che io ho dovuto (controvoglia) smontare. La struttura era in lamiera piegata e saldata a putrelle fissate a pavimento e soffitto.
          File allegati

          Commenta


          • #6
            Hai dovuto smontarla perchè c'erano problemi ? altrimenti smontare un lavoro del genere è da "criminali"

            Commenta


            • #7
              Quando è stata costruita la scala, i padroni di casa ( miei zii) avevano tenuto la zona giorno e la zona notte padronale al piano terra mandando i 2 figli che erano ancora in casa al piano superiore andando a occupare mezzo alloggio che era della nonna. Venendo a mancare i padroni di casa, mio zio aveva destinato il piano terra al figlio e il primo piano alla figlia. A distanza di qualche anno hanno deciso di sistemare la casa e a questo punto la scala sarebbe andata a morire nel soffitto. Per cui la scala è stata demolita. Per la cronaca, mio fratello anziché buttare il tutto nella legna da ardere ha recuperato i pezzi più lunghi e si è fatto il mobile per il bagno di teak.

              Commenta


              • #8
                Storia triste per la scala anche se ha avuto vita nuova.

                Commenta


                • #9
                  Marcor... Accipicchia, che scala! Un vero peccato la fine che ha fatto. Ricordi per caso che spessore aveva la lamiera di supporto?
                  ​​​​​​

                  Commenta

                  Sto operando...
                  X